Per la terza volta di fila, Sebastian Vettel partirà in pole position. Il pilota tedesco della Ferrari si è aggiudicato il primo posto nelle qualifiche del Gran Premio dell’Azerbaijan, quarto appuntamento del Mondiale di Formula 1. Con il tempo di 1’41”498 Vettel ha preceduto di 179 millesimi l’inglese Lewis Hamilton. Terza la Mercedes di Valtteri Bottas. Poi Ricciardo e Verstappen. La Rossa di Kimi Raikkonen partirà invece dalla sesta posizione. Il pilota finlandese, dopo essersi qualificato al Q3 in extremis e con un solo giro a disposizione, si è visto sfumare la prima fila per un errore nel finale che lo ha portato a chiudere a quasi un secondo dal compagno di scuderia. La terza fila è occupata dalle Force India di Esteban Ocon e Sergio Perez, davanti alle Renault di Nico Hulkenberg e Carlos Sainz.

“Ho la macchina che volevo e sapevo di poter fare un buon giro”, ha commentato Vettel al termine delle qualifiche. “Non è stato perfetto, avrei potuto fare qualcosa in più e potevo scendere sotto il tempo precedente, ma ho avuto un bloccaggio alla curva tre e ho dovuto rallentare. Per fortuna il tempo precedente è stato sufficiente”. Contento del risultato anche Hamilton, nonostante il secondo posto alla griglia di partenza. “Siamo molto vicini ai nostri avversari, direi che abbiamo fatto il miglior lavoro possibile, abbiamo perso nell’ultimo settore della pista ma va bene così, complimenti a Sebastian perché ha fatto grande lavoro”. Il campione del mondo non demorde e promette scintille: “Domani daremo filo da torcere a tutti”. Ma nella sfida fra Vettel e Hamilton c’è anche l’altro pilota Mercedes, Valtteri Bottas, che si dice pronto alla lotta. “Sicuramente potremo lottare con la Ferrari. Siamo davanti con entrambe le macchine e non era mai successo finora da inizio stagione”, ha detto il finlandese. “Qui può esserci una gara pazza. L’anno scorso ero indietro all’inizio e alla fine sono arrivato secondo. Tutto può succedere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rubens Barrichello, l’ex pilota Ferrari rivela: “Ho sconfitto un tumore al collo, sono vivo per miracolo”

next
Articolo Successivo

Formula 1, gp di Baku: vince Lewis Hamilton, Raikkonen 2°. Perez sul podio. Vettel è solo quarto

next