“Oggi noi come comunità cittadina non siamo stati all’altezza dei nostri predecessori di 70 anni fa. Non siamo stati in grado di preservare l’unità del corteo e abbiamo perso una occasione. Abbiamo lasciato che qualcuno introducesse in una festa dei temi estranei a questa festa.Temi che nulla hanno a che vedere con lo spirito che anima questa festa”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi durante la cerimonia organizzata dalla Comunità ebraica di Roma a via Tasso per il 25 aprile, dopo la rinuncia a partecipare al corteo dell’Anpi per la presenza della comunità palestinese che sfila con i suoi simboli, bandiere e kefieh. “Ma le porte del Campidoglio – ha aggiunto – restano aperte, il tentativo deve continuare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Terremoto in Molise, scossa di magnitudo 4.2. Verifiche in corso: “Al momento non ci sono danni”

next
Articolo Successivo

25 aprile, Anpi in corteo a Roma dopo lo strappo della Comunità ebraica. Raggi: “Cammino unitario molto duro”

next