Il naufragio del 18 aprile 2015 è stato dimenticato da tanti forse perché, per ricordare, tutti noi abbiamo bisogno di creare nelle nostra mente un’immagine con la quale mettersi in relazione. In modo cosciente è forse impossibile in questo caso, perché è insopportabile entrare in relazione con l’immagine di uno strato di materiale biologico alto quasi un metro e lungo 23 metri, tanto quanto la lunghezza della nave. Per provare a elaborare il lutto occorre staccarsi da un oggetto. L’immersione in una massa di tessuti umani credo provochi come reazione quella della fuga. Perché il rischio di restare immersi in questa morte senza forma individuale è tremendo e forse impossibile.

Siamo abituati a dare un nome a tutte le cose, a trovare una spiegazione a tutto. A volte solo per dare una colpa agli altri o a noi stessi. Per trovare dei responsabili.

Io, davanti a questa immagine di materiale biologico che prende la forma di una nave, non riesco a trovare nessuna definizione, nessuna parola, nessuna immagine. Sento fastidio e dolore e non riesco ad immaginare nulla.

La fantasia vola in alto per non restare impigliata e per non naufragare. Vedo occhi, labbra, braccia, gambe che non sono più di nessuno. Di chi erano?

La risposta a questa domanda potrebbe fare la differenza.

La risposta a questa domanda dovrebbe rimettere insieme occhi, bocche, braccia, gambe. Rimettere insieme un individuo e dare a lei o lui un nome. Donna, Uomo o bambino. Poi allora sarebbe possibile pensare alle loro personalità, voglie, desideri, sogni. Chi erano? 

Tutto naufragato.

L’unica immagine con cui riesco a fare i conti è quella dei pompieri. Che si sdraiano su questi “corpi” per non calpestare un’idea di essere umano che resta nella loro mente. Perché la loro regola è “non mettere i piedi sui morti”. In un mondo che ha messo i piedi sui migranti quando erano vivi.

Che i vigili del fuoco italiani sono i migliori dl mondo lo sapevamo e ce lo ha detto anche il World of Firefighters che li ha premiati nel 2016. Credo a loro si debba anche un premio speciale da parte delle Nazioni Unite proprio per il naufragio del 18 aprile 2015, per avere trattato materiale organico indistinto con il rispetto capace di chi resta umano. Facendo l’altro umano.

Un premio delle Nazioni Unite a chi è stato capace di mantenere un’idea e un’immagine di vita dove vince naufragio e perdita di tutti i confini dell’umano.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Molestie sessuali, anche il datore di lavoro può rispondere del reato se non l’ha impedito

next
Articolo Successivo

Torino, Comune non riconosce figlio di due donne nato con la procreazione assistita. La mamma: “La sindaca ha scelto di non intervenire, le è mancato il coraggio”

next