“Cerco personale con reale voglia di far parte di un progetto lavorativo che ci porti ad essere i numeri uno, cerco esperienza ma soprattutto professionalità. Non cerco ragazze grasse. La bella presenza è richiesta ma non del tutto importante”. L’annuncio di lavoro per cercare “un’aiuto pasticciere con esperienza e due banconisti/e” è stato pubblicato sul portale Indeed dal titolare della pasticceria Dolci creazioni Fabio Ravone, a Brindisi. Ma la richiesta di non ricevere candidature da parte di “ragazze grasse” ha raccolto pesanti critiche sul web poco dopo la messa online.

Il testo, scrive Brindisi report, è finito qualche giorno fa sul sito di annunci poi su Facebook, e da lì è rimbalzato sui social. Il proprietario della pasticceria – preso di mira sul web e non certo per l’errore grammaticale di “un’aiuto” incluso in quelle poche righe – decide allora di chiedere scusa, ammettendo “di avere fatto una inserzione di merda”. E aggiunge: “Lungi da me volere offendere le ragazze formose”. Poi spiega che le sue parole sono scaturite “dopo un diverbio nato sulla pagina dove si fanno annunci di lavoro”.

Un’ammissione che sulla sua bacheca è stata apprezzata da tanti, anche se una “assidua cliente” scrive che dopo a causa dell’annuncio non andrà più da lui a comprare dolci. E un altro utente, Ale, nei commenti scrive: “Scuse accettate, ora assumi una ragazza con taglia superiore alla 46, domenica dolci gratis per tutti e non ne parliamo più”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, ruspe a Ventimiglia per sgomberare il greto del Roja: chi vorrà dormire sotto i ponti dovrà farlo senza ripari

next
Articolo Successivo

Busto Arsizio, crolla controsoffitto in scuola elementare: tre bambine ferite lievemente

next