Un furgone è piombato sulla folla a Münster in Germania: ci sono tre morti e almeno venti feriti, di cui sei gravi. Lo ha chiarito la polizia, dopo che alcuni media tedeschi parlavano anche di 50 feriti. L’autista si è ucciso sparandosi un colpo di pistola alla testa. È ancora in corso una grossa operazione della polizia con parte della città vecchia blindata: gli agenti sono alla ricerca di eventuali esplosivi all’interno del veicolo. Inizialmente le autorità avevano parlato di un possibile attacco terroristico, ma alcuni media tedeschi riferiscono che alla guida del furgone c’era invece un cittadino tedesco con problemi psichici. In particolare la Sueddeutsche Zeitung scrive che l’uomo, Jens R., è nato nel 1969 ed è stato in cura nel 2014 e nel 2016. E’ in corso una perquisizione nella sua abitazione. Non ci sono indicazioni che l’episodio sia legato all’estremismo islamico, ha reso noto una fonte della sicurezza tedesca.

Il camioncino si è diretto verso un gruppo di persone sedute a dei tavolini nel centro storico della città, fuori da due dei ristoranti più noti di Münster, nella piazza Kiepenkerl. La polizia è in azione anche con un elicottero ed ha allestito delle zone dove accogliere la popolazione che si trovava per strada. Le persone sono state invitate ad evitare di avvicinarsi all’area vicina alla piazza. Gli inquirenti temono che il furgoncino possa contenere ordigni esplosivi. Lo riferisce l’emittente ntv. “Siamo impegnati sul luogo con tutte le forze di cui siamo a disposizione”, così la polizia su twitter. “La situazione è ancora poco chiara“, continua a proposito del presunto attentato.

La piazza in cui il furgone è arrivato a grande velocità è un punto di riferimento della città, che ha circa 300mila abitanti. I due ristoranti tradizionali, Großer Kiepenkerl e Kleiner Kiepenkerl, sono un famoso luogo d’incontro. Con il bel tempo, molte persone spesso si siedono e stanno all’aperto, in inverno c’è il mercatino di Natale. La piazza prende il nome dalla statua che ospita, il Kiepenkerl appunto, monumento distrutto durante la seconda guerra mondiale e restaurato fedelmente nel 1953.

Il sindaco di Muenster, Markus Lewe, ha detto che le autorità non conoscono ancora i motivi dietro al gesto. “Tutta Münster piange per questo orribile incidente. La nostra vicinanza va ai familiari delle persone uccise, mentre auguriamo ai feriti una pronta guarigione”, ha dichiarato Lewe.

Esattamente un anno fa, il 7 aprile 2017, ci fu un attentato con una dinamica simile nel centro storico di Stoccolma: l’autore entrò con un camion in una zona pedonale della capitale svedese, uccidendo cinque persone e ferendone gravemente quattordici. Anche questo aveva fatto pensare alla pista terrorismo.