Mauro Donato, il fotoreporter rinchiuso nelle carceri della Serbiaè finalmente tornato a casa.

Il suo primo pensiero lo ha dedicato a chi è ancora privo della libertà e ai migranti rinchiusi, anche in quel Paese, dentro centri di accoglienza divenuti galera per chi scappa da guerre, fame e terrore.

Mauro e Andrea Vignali, giornalisti coraggiosi e ricchi di passione civile, stavano seguendo la rotta dei migranti e documentando sofferenze e angherie. Per questa ragione sono stati fermati e accusati di aver rapinato tre esuli afghani. Un’accusa ignobile per chi ha dedicato la vita agli ultimi e ai disperati della terra, quasi uno sfregio per colpirne credibilità e onorabilità.

Per fortuna di Mauro e Andrea, i tre hanno smentito ogni cosa, anteponendo la verità a qualsiasi altra valutazione di opportunità e di convenienza. Andrea Vignali è stato subito liberato, Mauro invece è restato in carcere senza neppure conoscere le ragioni dell’arresto.

La sua liberazione  è dovuta alla tenacia dei familiari, degli amici, dell’avvocato Alessandra Ballerini  che difende anche la famiglia Regeni – di Luigi Manconi, testardo e coerente difensore dei diritti e delle libertà e dei funzionari della Farnesina, impegnati in un lavoro tanto silenzioso quanto fruttuoso.

Ora che Mauro Donato è tornato a casa sarà il caso di non dimenticare chi continua a percorrere e a soffrire lungo quelle rotte della disperazione. Il modo migliore per farlo sarà quello di riprendere le sue fotografie, ingrandirle, farle vedere e tornare con altre “luci” a illuminare quei luoghi e quei volti che i potenti di ogni colore e di ogni nazionalità vorrebbe oscurare e forse sopprimere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catania, bambino di 10 mesi morto per il morbillo. “Troppo piccolo per vaccino. Per questo facendoli si protegge la comunità”

next
Articolo Successivo

Dislessia, Lapo Elkann racconta il suo rapporto col disturbo: “Mi sentivo frustrato. Persi due anni a scuola”

next