Dopo il discorso d’insediamento nel giorno dell’elezione alla presidenza della Camera,  Roberto Fico ha fatto il suo esordio nello scranno più alto di Montecitorio nella seconda seduta della XVIII legislatura, valida per l’elezione di vicepresidenti, segretari d’Aula e questori. Nella sua “prima volta” da terza carica dello Stato, Fico, emozionato, ha mostrato alcune esitazioni, imbattendosi in qualche piccolo errore, “aiutato” dai suggerimenti dei segretari di presidenza provvisori nel corso della seduta