“Le cose sono sotto gli occhi di tutti: ci sono stati colloqui per due settimane. Le cose da fare erano chiare”, dice Primo Di Nicola, neoeletto senatore del Movimento 5 Stelle, all’uscita del Senato dopo la fine della seconda votazione che ha visto emergere il nome di Bernini e spaccarsi il centrodestra.  “C’erano dei passaggi importanti e le responsabilità sappiamo tutti su chi ricadono. La notte, comunque, porterà consiglio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, Salvini lancia Bernini. Ecco il racconto per immagini della rottura con Forza Italia

next
Articolo Successivo

Senato, Toninelli: “Contenti per Bernini? Vogliamo votare velocemente. Romani non era votabile”

next