“Le cose sono sotto gli occhi di tutti: ci sono stati colloqui per due settimane. Le cose da fare erano chiare”, dice Primo Di Nicola, neoeletto senatore del Movimento 5 Stelle, all’uscita del Senato dopo la fine della seconda votazione che ha visto emergere il nome di Bernini e spaccarsi il centrodestra.  “C’erano dei passaggi importanti e le responsabilità sappiamo tutti su chi ricadono. La notte, comunque, porterà consiglio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, Salvini lancia Bernini. Ecco il racconto per immagini della rottura con Forza Italia

next
Articolo Successivo

Senato, Toninelli: “Contenti per Bernini? Vogliamo votare velocemente. Romani non era votabile”

next