Mancano ancora i soldi e il piano antiviolenza è incagliato, mentre dall’inizio dell’anno sono già 24 le donne uccise. “Una vera e propria mattanza, davanti alla quale chiediamo di rendere il piano immediatamente operativo“, è l’appello dei sindacati Cgil, Cisl e Uil assieme all’assocazione dei Centri Antiviolenza, alle volontarie del Telefono Rosa e ad altre onlus.

“Lo scorso 25 novembre i giornali titolavano “Via libera al Piano antiviolenza”. A distanza di quattro mesi, con un femminicidio ogni due giorni quel Piano, frutto di un lungo confronto tra società civile, varie associazioni di donne, sindacati, ministeri e istituzioni, e che porta con sé la novità di un intervento finalmente strutturale sul tema, non è però ancora operativo”, denunciano i sindacati.

“Il Piano strategico del governo per la lotta alla violenza maschile sulle donne adottato dal Governo per il triennio 2017-2020, approvato in Conferenza Stato-Regioni e finanziato nella legge di stabilità, a tutt’oggi non decolla”, sostengono associazioni e sindacati chiedendo al Governo e al Parlamento “di renderlo immediatamente operativo, predisponendo le risorse economiche dedicate e rendendole immediatamente esigibili per la sua attuazione”.

Attendere ulteriormente, secondo chi ha sottoscritto l’appello, è un “fatto gravissimo” perché la situazione è “drammatica”. Lo Stato italiano,  accusano inoltre, avendo ratificato la Convenzione di Istanbul, “ha l’obbligo di rendere operativo il Piano strategico e di muoversi con la dovuta diligenza da parte di tutte le articolazioni istituzionali coinvolte nel Piano stesso”. Le donne, concludono le associazioni, “non devono ancora subire violenze in attesa che tutti facciano quando dovuto prescritto dal piano e che le azioni discusse e condivise trovino attuazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuta di servire il gelato a Salvini, io sto con Nadia. Senza se e senza ma

next
Articolo Successivo

Carceri, l’esperimento del Dap: detenuti impiegati per pulire i giardini di Roma

next