Il conflitto siriano è entrato ieri nel suo ottavo anno. In questo desolante contesto, un gruppo di rifugiati cerca di fare qualcosa per rimboccarsi le maniche e ottenere indipendenza economica, oltre a cercare di mandare dei soldi in Siria; lo fanno cucinando cibi siriani a Roma.

Hummustown aiuta i rifugiati siriani a Roma a ottenere l’indipendenza economica offrendo loro un lavoro dignitoso: cucinare, confezionare e consegnare cibo siriano a Roma e dintorni. Per espandere il progetto, i promotori hanno lanciato una campagna di crowdfundingwww.gofundme.com/hummustown – al fine di acquisire uno spazio che includa una cucina industriale, uno spazio per uffici, una sala riunioni e una reception per gli ordini diretti.

I fondi dovrebbero coprire i costi operativi del progetto per 12 mesi e consentire a questa impresa sociale di spiccare il volo.

Shaza Saker, una siriana che vive e lavora a Roma ha iniziato il progetto con la volontà di permettere ai rifugiati siriani di mantenersi dignitosamente portando la tradizione culinaria siriana a Roma. Per superare le barriere linguistiche che i rifugiati devono affrontare, insieme ad amici, colleghi e familiari, Shaza ha fornito ai rifugiati gli elementi per poter iniziare questa impresa: “Attualmente ci sono sei rifugiati che lavorano attivamente come parte della squadra. L’obiettivo è aiutarli a raggiungere la piena indipendenza e poter anche inviare soldi alle loro famiglie in Siria. I rifugiati non vogliono dispense o carità. Vogliono solo una possibilità.

Hummustown vuole essere proprio questo. La possibilità. Documenteremo ogni centesimo delle donazioni spese e forniremo rapporti mensili ai sostenitori del progetto. Forniremo inoltre aggiornamenti periodici scritti o video sullo stato di avanzamento del progetto. In passato, abbiamo sostenuto profughi etiopi, iracheni e palestinesi e siamo aperti a qualsiasi suggerimento. Vogliamo alleggerire il fardello dei bisogni dei rifugiati dallo Stato, e cambiare l’immagine di tutti i rifugiati a Roma da utenti passivi a membri proattivi e indipendenti della comunità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma. Antonio Di Maggio, lo ‘sceriffo con la pistola’, è nuovo capo dei vigili urbani

next
Articolo Successivo

Acqua alta a Venezia, allagato il 12% della città: 110 cm sul medio mare

next