“Il risultato elettorale? Un terremoto devastante, una sconfitta pesantissima del Pd e in parte di Forza Italia”. Commenta così l’esito delle elezioni politiche, nel suo consueto appuntamento settimanale su Lira Tv, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che elenca anche gli errori del suo partito: “E’ stato un disastro, il voto deve essere rispettato e deve diventare sempre una grande lezione che ti viene impartita. Il principale errore sta nella scarsa attenzione data alla disoccupazione nel Sud sulla quale, non c’è stata la sensibilità necessaria”. E sul punto De Luca rilancia una proposta, un piano per 200mila posti di lavoro al Sud. E aggiunge: “C’è il tema della sicurezza dove ha prevalso la posizione di Salvini e questo perché nell’ambito del centrosinistra ogni volta che si parla di sicurezza scattano reazioni tutte ideologiche. Poi c’è tutta una serie di decisioni: dalla riforma della scuola al codice degli appalti alla battaglia, che non c’è stata, per una sburocratizzazione radicale dell’Italia. Il governo, che pure ha portato l’Italia fuori dalla crisi, non ha determinato svolte e serenità per i cittadini”. Poi rincara: “Quando ti riduci in interi territori al 10% devi riflettere. Il Pd è apparso un partito nemico, non simpatico, cordiale o vicino. Sono riflessioni da fare con serenità senza recriminare, ma cercando di capire”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi Pd, Sala contro Renzi: “Ha governato con Verdini e ora parla di inciuci? Boschi sottosegretaria fu una provocazione”

next
Articolo Successivo

Elezioni, De Luca: “M5s? Luigino Di Maio si è messo il vestitino della Prima Comunione, ma tanti di loro restano violenti”

next