Grande ritorno di Corrado Guzzanti nelle vesti di monsignor Florestano Pizzarro, intervistato per Propaganda Live (La7) da Andrea Purgatori. E la sua analisi delle elezioni è limpida e netta: “E che c’è da capì? Al Nord i ricchi vogliono la flat tax, al Sud i poveri vogliono il reddito di cittadinanza. E non c’avranno né l’uno, né l’altro, a seconda di chi avrà l’incarico. Ma lo volete capì che il debito pubblico te impedisce de fa’ qualunque cosa? La finite de parla’ de sordi che nun ce stanno? Ma se po’ vive sempre a buffo (gratis, ndr)? La Fornero dovreste far premier”. Guzzanti-Pizzarro racconta in modo esilarante la vicenda della teca contenente il sangue di San Gennaro, baciata da Luigi Di Maio: “Ha fatto un casino, gli avevamo detto: ‘Nun la toccà’. L’ha toccata e ha rotto la macchinetta. Lì c’è un meccanismo delicatissimo, tipo la sigaretta elettronica. C’è ‘sto sangue che se deve scarda’, sale, evapora, se coagula e scende. Di Maio ha rotto tutto. Tu non sai quanto costa quella macchina, perché er tecnico che la sa riparare è solo uno e pija ‘na cresta assoluta. E già dovemo fa’ lo spurgo, perché chiaramente il problema è il calcare. Oggi però famo tutto con le cialde”. Padre Pirrozzo, infine, si esprime sulla scissione del Pd: “Ma quella è un fenomeno naturale, non c’è da preoccuparsi. Fondamentalmente in ‘sto Paese le sinistre sono sempre state due: una sinistra lesionista e una sinistra autolesionista. Se le chiamassero così, invece de inventarse tutti ‘sti nomi, sarebbe molto più chiaro. E’ una questione di gusti. Se ti piace, la voti. Si perderebbero meno voti. Ad esempio, er Pd yin, er Pd yang: ruotano l’uno attorno all’altro” – continua – “in un eterno ciclo illusione-delusione. Il problema è che, ogni volta che te scindi, perdi i pezzi. Se vai a sommare i voti di quello e di quell’altro, non c’avrai mai il totale che c’avevi prima”. E, come esempio, spiega magistralmente la fissione dell’uranio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Scanzi: “Governo M5s-Pd? Lo trovo improbabile. Se Mattarella ci riesce, è il più grande fenomeno della politica”

prev
Articolo Successivo

Finte code per il reddito di cittadinanza? La prova che il Sud è un mondezzaio di luoghi comuni

next