“Io prendo atto che la base del Pd non detesti un accordo programmatico col M5S, ma vi immaginate i Romano, i Migliore, le Morani, gli Orfini che improvvisamente vanno d’accordo col M5S, quando fino al giorno prima si sono metaforicamente accoltellati?”. Così a Otto e Mezzo (La7) il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, esprime perplessità su un’alleanza tra i 5 Stelle e il Pd, sottolineando: “Mi sembra una casistica veramente molto difficile. Se Mattarella ci riuscisse, sarebbe il più grande fenomeno della storia della politica italiana e sarei il primo a fargli gli applausi. Ma è uno scenario che trovo improbabile”. Scanzi poi elenca le ragioni del successo elettorale dei 5 Stelle: “Il M5S ha vinto sicuramente in quanto forza anti-casta. E’ una forza che in questi 5 anni almeno un po’ di opposizione l’ha fatta, ed è l’unica che, nel bene e nel male, poteva giocare la carta della vera novità. Credo che un po’ di merito del risultato vada anche a questa svolta governativa di Di Maio, ma in generale di tutto il M5S che ha abbassato i toni e che ha utilizzato una sorta di comunicazione post-democristiana, facendo breccia sugli over 40, cioè su quelli che fino a due anni fa, appena sentivano nominare i 5 Stelle, scappavano e gridavano “Arrivano i barbari””. E aggiunge: “Non ho mai creduto a una ipotesi di governo Lega-M5S: hanno due cose in comune e otto cose non in comune. Credo che entrambe siano indebolite paradossalmente dal fatto di essere forze estremiste e anti-sistema e quindi abbiano una grande difficoltà a governare con chiunque non sia loro stessi. E questo rende ancora più complicato lo scenario e più difficoltoso il lavoro di Mattarella. Non abbiamo il Pd e Forza Italia che, tutto sommato, avrebbero fatto un Renzusconismo più o meno garbato, ma abbiamo due forze che, fino a domenica 4 marzo, ci hanno detto che sono antitetiche e che detestano il Pd”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2018, perché il Pd deve allearsi con il M5s

prev
Articolo Successivo

Torna Guzzanti con Padre Pizzarro: “Pd? In ‘sto Paese ce sono due sinistre: una lesionista e una autolesionista”

next