“Io prendo atto che la base del Pd non detesti un accordo programmatico col M5S, ma vi immaginate i Romano, i Migliore, le Morani, gli Orfini che improvvisamente vanno d’accordo col M5S, quando fino al giorno prima si sono metaforicamente accoltellati?”. Così a Otto e Mezzo (La7) il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, esprime perplessità su un’alleanza tra i 5 Stelle e il Pd, sottolineando: “Mi sembra una casistica veramente molto difficile. Se Mattarella ci riuscisse, sarebbe il più grande fenomeno della storia della politica italiana e sarei il primo a fargli gli applausi. Ma è uno scenario che trovo improbabile”. Scanzi poi elenca le ragioni del successo elettorale dei 5 Stelle: “Il M5S ha vinto sicuramente in quanto forza anti-casta. E’ una forza che in questi 5 anni almeno un po’ di opposizione l’ha fatta, ed è l’unica che, nel bene e nel male, poteva giocare la carta della vera novità. Credo che un po’ di merito del risultato vada anche a questa svolta governativa di Di Maio, ma in generale di tutto il M5S che ha abbassato i toni e che ha utilizzato una sorta di comunicazione post-democristiana, facendo breccia sugli over 40, cioè su quelli che fino a due anni fa, appena sentivano nominare i 5 Stelle, scappavano e gridavano “Arrivano i barbari””. E aggiunge: “Non ho mai creduto a una ipotesi di governo Lega-M5S: hanno due cose in comune e otto cose non in comune. Credo che entrambe siano indebolite paradossalmente dal fatto di essere forze estremiste e anti-sistema e quindi abbiano una grande difficoltà a governare con chiunque non sia loro stessi. E questo rende ancora più complicato lo scenario e più difficoltoso il lavoro di Mattarella. Non abbiamo il Pd e Forza Italia che, tutto sommato, avrebbero fatto un Renzusconismo più o meno garbato, ma abbiamo due forze che, fino a domenica 4 marzo, ci hanno detto che sono antitetiche e che detestano il Pd”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni 2018, perché il Pd deve allearsi con il M5s

next
Articolo Successivo

Torna Guzzanti con Padre Pizzarro: “Pd? In ‘sto Paese ce sono due sinistre: una lesionista e una autolesionista”

next