Un uomo armato di coltello ha aggredito e ferito quattro persone a Vienna, nel quartiere di Leopoldstadt. Tre delle vittime sono in condizioni gravi e i medici li considerano “in pericolo di vita”. L’aggressione è avvenuta mercoledì intorno alle 19.30 nei pressi di Nestroyplatz e i tre feriti, una coppia e una giovane, fanno parte della stessa famiglia.

Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, l’assalitore dopo averli accoltellati è fuggito verso la metropolitana e grazie a una caccia all’uomo a tappeto, come riporta la polizia su Twitter, è stato arrestato poco dopo.

La zona è stata immediatamente isolata, i residenti invitati a non uscire e un imponente dispiegamento di forze dell’ordine. Gli accoltellamenti sono avvenuti davanti ad un ristorante giapponese e i pochi testimoni hanno raccontato di aver sentito delle urla e aver poi visto un uomo vestito di nero in fuga. “Urlava e aveva assolutamente perso il controllo – ha raccontato una testimone – avrebbe potuto accoltellare anche me se fossi stata più vicina”.

Gli investigatori, al momento, non si sbilanciano e non parlano di terrorismo, spiegando che la dinamica è ancora tutta da chiarire. Quel che è certo è che il dispiegamento di forze è stato massiccio e prevede l’utilizzo dell’unità speciale Wega, che scende in campo nei casi a maggior rischio, compreso il terrorismo.