Le parole a volte ti si rivoltano contro e da sberleffo sprezzante diventano la tua “croce”. Così a 22 mesi dall’uso di #ciaone per salutare il fallimento del referendum sulle trivelle, sono gli elettori dell’Emilia-Romagna a voltare le spalle ad Ernesto Carbone, che lanciò l’hashtag su Twitter scatenando critiche anche dalla minoranza del partito: il deputato dem, renziano di ferro, è fuori dal Parlamento.

E da tre giorni sotto i suoi post è tutto un fiorire di quel saluto da lui usato il 17 febbraio 2016, a urne aperte, per sbeffeggiare l’ormai certo quorum fallito. “Prima dicevano quorum. Poi il 40. Poi il 35. Adesso, per loro, l’importante è partecipare #ciaone”, scrisse all’epoca. E giù polemiche.

Qualcuno ha pensato anche di modificare la voce Wikipedia dedicata all’ormai ex onorevole del Pd. La sezione “Attività Politiche” è stata arricchita con la news più fresca: “Nelle elezioni politiche del 4 marzo 2018 non è stato eletto. #Ciaone Ernesto“, ha scritto qualche utente nelle ore successive alla ripartizione dei seggi proporzionali. Carbone, terzo nel listino per il Senato del collegio Emilia-Romagna 1, è tra gli esclusi.

Il Pd ha raccolto il 31,20% dei voti che sono valsi l’elezione dell’ex sindaco di Imola Daniele Manca, sul cui seggio dovrà pronunciarsi la Giunta delle elezioni di Palazzo Madama, e la vice-ministra Teresa Bellanova, che qui era stata paracadutata per proteggerla dalla sfida nell’uninominale di Nardò dove ha racimolato appena il 17,35% delle preferenze arrivando terza alle spalle di Barbara Lezzi e del candidato del centrodestra. Niente da fare per Carbone e la marchigiana Francesca Puglisi, responsabile scuola del Pd.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2018, Sposetti (Pd): “Renzi è indegno, lui e la sua cerchia sono delinquenti seriali. La base lo processi”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Travaglio: “Ormai quasi tutto l’establishment sembra diventato grillino”. Battibecco con Sallusti

next