E se invece questo voto dimostrasse che gli elettori italiani sono stati più maturi di altri? La crisi finanziaria e le sfide della globalizzazione hanno portato quasi ovunque all’affermazione di populismi intollerranti e talvolta razzistoidi. Negli Stati Uniti ha vinto Donald Trump. In Austria è andato al governo il FPO. In Francia il Front National è arrivato a intravedere l’Eliseo. In Grecia Alba Dorata ha raccolto molti consensi.

In Italia la situazione è molto diversa. Per fortuna. Il Movimento Cinque Stelle è un partito che ha difeso la Costituzione, che si è battuto per tutelare le istituzioni, che ha messo ai primi posti del suo programma la tutela della legalità contro la corruzione.

Non solo: Beppe Grillo e Gian Roberto Casaleggio hanno avuto l’intuizione di cercare una risposta politica – in un momento in cui politica e democrazia cedono spazio ad altri poteri – alle sfide di questi anni: lo strapotere della finanza, la tutela della nostra Terra, la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica attraverso internet.

Ora vedremo se Luigi Di Maio e Davide Casaleggio sapranno stare al passo di chi ha consegnato loro il Movimento oppure se, a corto di visione, cederanno a compromessi di piccolo cabotaggio per conservare il consenso. I dubbi vengono di fronte all’atteggiamento vago, paraculo, mantenuto ultimamente dal Movimento su temi come l’immigrazione.

I Cinque Stelle erano nati per strigliare la politica, ma anche noi cittadini. Non per lisciare il pelo ai nostri difetti.

Destra e sinistra secondo alcuni sono categorie superate. Di certo governare richiede di prendere posizioni nette. Di elaborare una visione della politica, ma anche della vita. I Cinque Stelle ora devono dimostrare, anche a se stessi, chi sono davvero. Arrivati al potere finiranno per diventare come tutti gli altri?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Risultati elezioni 2018, vincitori e sconfitti nei testa a testa: fuori Minniti e Fedeli. Di Maio al 63%. Vincono Gentiloni e Boschi

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018, la felicità esausta di Di Maio: “Un’emozione indescrivibile, un dato storico”

next