Polemica concitata durante la maratona elettorale del TgLa7 tra il direttore del notiziario di Cairo, Enrico Mentana, e il leader di Casapound, Simone Di Stefano, che lamenta una scarsa esposizione mediatica in tv, e in particolare su La7. Mentana gli ricorda la sua partecipazione a Omnibus, ma Di Stefano ribatte nervosamente: “Era il giorno stesso della presentazione della lista elettorale alle 7 del mattino. Ho fatto tre interventi per par condicio e quei 5 minuti a Omnibus. Per il resto il nulla. Abbiamo rispettato pienamente tutte le regole della democrazia, però non venite voi a farci la morale sulla democrazia o sul pluralismo”. “Scusi, Di Stefano, sa con chi parla, vero?” – chiede reiteratamente Mentana – “Nessuno le ha fatto la morale sulla democrazia. Stiamo analizzando un risultato elettorale. Gli spazi le sono stati dati. Lei sa anche che il sottoscritto è stato accusato di essere stato una sorta di pifferaio magico per essere venuto a discutere con lei nella sede di Casapound”. Di Stefano continua: “Se noi avessimo avuto lo spazio dato a un Fratoianni, sicuramente oggi non saremmo all’1%. Il M5s, decisamente sovraesposto soprattutto su La7, oggi ha più del 30%”. “Se valesse il suo ragionamento, ci dovrebbero essere partiti al 200% per l’esposizione che hanno avuto i loro leader. Non funziona così”, ribatte il direttore del TgLa7. E mostra l’esempio di Liberi e Uguali al 3,5%, nonostante l’esposizione televisiva massiccia denunciata da Di Stefano. “Non vedo ordini di grandezza così dissimili con quello del vostro risultato” – spiega Mentana – “E dare la colpa alla tv non è molto da forza rivoluzionaria”. “Non siamo apparsi in nessuna televisione”, ribadisce il vicepresidente di Casapound, che denuncia anche “un sistema mediatico meno democratico di Casapound”. Mentana poi ricorda a Di Stefano che a Omnibus, in piena campagna elettorale, ha partecipato Carlotta Chiaraluce, militante di CasaPound e compagna di Luca Marsella: “Quindi, ha detto una palla prima”. “Sì, ma pochi minuti”, risponde Di Stefano. “Ma che significa ‘pochi minuti’?” – replica Mentana – “Non è da voi. Quando avete fatto il balzo a Ostia, non avete detto che siete apparsi in tv tanto o poco”. “Non c’è stata una prima serata in cui abbiamo parlato”, ribatte Di Stefano. “E che cosa volevate fare? Fantastico?”, ironizza il giornalista

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Cuperlo: “Sconfitta dura”. E Migliore a Di Battista: “Accordo con M5s? Non credo ci saranno le condizioni”

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018, Fiano (Pd): “C’è di mezzo il futuro della leadership” e Bressa: “Buio totale”

next