Brutta sorpresa per gli elettori più mattinieri. Alle 8.15 del mattino, in via Flaminia 223 a Roma il seggio è ancora chiuso e non si può votare. “Perché n’arivano ‘e cartelle”, racconta una elettrice. “Mancano i verbali”, spiega nella video-testimonianza Claudio Bellero, che insieme agli altri elettori aspetta fuori dai cancelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antifascista? Un marchio di orgoglio, non di infamia

next
Articolo Successivo

Quello strano paradosso che si chiama Stato

next