Chiazze di percolato nella discarica di Trani gestita dall’Amiu nella giornata di venerdì hanno allarmato i cittadini. Una lunga storia quella della discarica tranese: sull’inquinamento provocato nel gennaio del 2015 è stata aperta una inchiesta dalla procura di Trani per disastro ambientale che al termine delle indagini ha portato alla richiesta di rinvio a giudizio per 21 persone.

L’assessore all’Ambiente del comune di Trani ha ammesso che “si tratta di acqua piovana che a contatto con il percolato dei rifiuti forma quelle chiazze”.

Il sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, sabato dopo aver effettuato un sopralluogo, ha dichiarato che “non è in corso nessuno sversamento in falda o nel sottosuolo o nei terreni. Quel percolato viene convogliato con una adeguata canalizzazione verso una vasca di raccolta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porticciolo turistico di Ospedaletti, una vicenda che ha dell’incredibile

next
Articolo Successivo

Roma, la sindaca Raggi: “Stop ai diesel in centro a partire dal 2024”

next