Sui manifesti elettorali della candidata del centrosinistra Francesca Barra si legge: “Matera capitale europea della cultura 2019 è un opportunità per tutta la Basilicata”. Dimenticando l’apostrofo. A notare l’errore è Libero, che suggerisce alla Barra di cambiare partito: “Avrebbe dovuto candidarsi non nel Pd, ma nel Movimento 5 Stelle, dove Luigi Di Maio sta decorando la sua campagna elettorale con favolosi strafalcioni grammaticali” scrive il quotidiano di Feltri.

La candidata ha replicato su Facebook: “L’errore del grafico è stato corretto dopo pochissimi minuti. Mi hanno avvisata ed è stato sostituito velocemente” dice, definendo l’errore grammaticale come un “refuso” giustificato dal fatto che “guardando dallo schermo del cellulare poteva sfuggire a tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s, il manifesto della Lombardi: “Più turisti, meno migranti”. Poi su Facebook: “Di destra? Sono concreta”

prev
Articolo Successivo

Governo, la profezia catastrofista di Juncker. Dalla Brexit al Referendum, tutte le sue previsioni. Regolarmente sbagliate

next