“Non ho ancora potuto parlare con Trump, che è un signore molto particolare. Lo attaccano tutti, è come un alieno nei confronti della burocrazia di Washington e del partito repubblicano ma bisogna dire che ha due spalle così quasi come quelle che mi hanno dato mia madre e mio padre, sopporta tutto senza battere ciglio. Il giudizio lo vedremo più tardi”. Così Silvio Berlusconi intervenendo alla sede dell’Ance, l’associazione dei costruttori edili. “Sono spaventato – prosegue – perché quando il dittatore della Corea del Nord dice brutte parole su Trump, lui si incazza prende il telefonino e twitta. Io quando ero al governo non rispondevo mai subito, riunivo i consiglieri più intelligenti, perché come si dice rispondere a volte è come mettere la merda nel ventilatore”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista