Un nuovo caso Charlie Gard scuote le coscienze dei britannici. Un giudice dell’Alta Corte di Londra ha autorizzato i medici a staccare i macchinari che tengono in vita il piccolo Alfie Evans, bimbo di 21 mesi ricoverato all’ospedale pediatrico di Liverpool per una malattia neurologica degenerativa e molto invalidante che non è stata del tutto diagnosticata. La decisione va contro il volere dei genitori del bimbo, Tom Evans e Kate James, entrambi ventenni, che avevano invece proposto di sottoporlo a un trattamento all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Ma secondo il giudice Hayden ora Alfie ha bisogno di “quiete e pace”: ha dato così ragione ai medici di Liverpool secondo cui mantenerlo in vita sarebbe “inumano”. La vicenda ricorda molto quella del piccolo Charlie Gard, la cui lunga e sofferta diatriba legale si era conclusa con l’autorizzazione a staccargli la spina. I genitori di Alfie stanno valutando se fare appello contro la decisione dell’Alta Corte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Unicef: “Ogni anno un milione di neonati muore nel primo giorno di vita”

prev
Articolo Successivo

Gerusalemme, vi presento Khadija. È un’islamista, per questo non la conosciamo

next