“Siamo qui per chiedere al sindaco di Salerno Vincenzo Napoli di accettare le dimissioni di Roberto De Luca. Non ci può pensare fino al 5 marzo. Bisogna avere il coraggio di fare delle cose, essere conseguenti”. A dirlo Andrea Cioffi, esponente del Movimento 5 Stelle nel corso di una iniziativa pubblica che si è tenuta sotto Palazzo di Città, insieme a simpatizzanti, attivisti e candidati.

“A che titolo – si domanda Cioffi – Roberto De Luca parla di ecoballe? A Salerno non ci sono le ecoballe. Non si capisce perché abbia parlato di questo. Sicuramente non lo ha fatto nell’interesse dei cittadini salernitani. Esprimiamo tutta la nostra solidarietà nei confronti dei giornalisti di Fanpage che hanno avuto il coraggio non di fare gli agenti provocatori, loro hanno buttato un amo e a quell’amo qualcuno ha abboccato. Solidarietà a chi fa queste inchieste con la schiena dritta. La nostra vicinanza ai giornalisti è totale. I giornalisti quando fanno il loro mestiere trovano sempre la solidarietà di quelle forze politiche e di quei cittadini che vogliono che il giornalismo faccia realmente informazione”. Torna a parlare dell’assessore De Luca anche il pentastellato Angelo Tofalo il quale aggiunge: “Quale istituzione rappresentava in quel momento Roberto De Luca, assessore al Bilancio, seduto a quel tavolo con un ex camorrista a parlare di appalti e di ecoballe? Il Movimento 5 Stelle si siede al tavolo con professionisti, giovani ingegneri, tecnici, comitati per l’ambiente. Dall’altro lato abbiamo destra e sinistra che si schierano con queste persone per discutere di cose strane e ambigue. Spero che la magistratura faccia chiarezza su questa vicenda che è una bomba in piena campagna elettorale”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, M5S sotto alla Regione con il video di Fanpage: “Il presidente De Luca si dimetta”

prev
Articolo Successivo

Napoli, Cerno vs Piccinini (Fanpage): “Voglio capire finalità dell’inchiesta e se colpisce solo certi politici”

next