“Sono contento di essere qui col mio candidato, perché io voto a Roma e voto Gentiloni”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, parlando all’iniziativa “Con Roma” promossa da Francesco Rutelli nell’aula magna dell’Angelicum a Roma, dove il presidente del Consiglio ha presenziato ad una iniziativa elettorale in sostegno della sua candidatura. Il ministro dello Sviluppo Economico, che ieri ha chiuso il ‘Tavolo per Roma’ in forte polemica con la sindaca della Capitale Virginia Raggi, ha tagliato corto alle domande dei giornalisti: “Da ieri per fortuna non devo più occuparmi di lei”. Ma poi dal palco non ha risparmiato critiche all’amministrazione 5 Stelle. “La mia idea era cercare di lavorare con questa amministrazione, come ho fatto a Torino. Quando ho iniziato ho ricevuto un sacco di critiche, anche dal Pd. Io ho sempre detto che sedersi al fiume aspettando il cadavere di Raggi era un errore perché sarebbe passato prima il cadavere della città, ed è quello che sta accadendo”. Calenda racconta: “Di fronte alla deindustrializzazione della Capitale ho convocato una riunione con tutte le imprese per capire quali sono i loro problemi e cosa occorre loro per rimanere a Roma. Ho invitato anche il sindaco e lei sapete cosa ha fatto? Ha mandato un assessore, dicendo che lei non partecipa a riunioni tecniche. La deindustrializzazione della tua città non è un tema tecnico. Hanno sbagliato anche i calcoli, non conoscono nemmeno matematica e di Roma ci occuperemo nonostante la Raggi, anche se la Raggi si mette di traverso”. Poi a chi domanda se intende candidarsi a sindaco della Capitale, il numero uno del Mise ha risposto: “Neanche morto. Mi piace fare altre cose. Devo essere chiaro: “se utilizzassi il lavoro fatto per il tavolo su Roma per candidarmi a sindaco di Roma sarei un cialtrone e non lo farò”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parma capitale della cultura, la strategia vincente di Pizzarotti: il dialogo col Pd e l’alleanza con Reggio Emilia e Piacenza

prev
Articolo Successivo

Bologna, scontri in centro. Bersani: “Pensarci due volte prima di dare le piazze a Forza Nuova. Regressiva e parafascista”

next