Tre alpinisti sono stati travolti da una valanga che si è staccata dalla Grignetta (2177 metri), montagna del gruppo delle Grigne nel territorio di Lecco. Ezio Artusi, 41 anni, di Introbio, e Giovanni Giarletta, 37 anni, di Lecco, sono morti mentre un terzo è stato tratto in salvo dai soccorritori. Erano tutti tecnici del Soccorso Alpino. Il distacco di neve si è verificato, secondo le prime informazioni, sul versante della Grignetta che si affaccia sul comune di Primaluna, intorno alle 15.30 di venerdì 16 febbraio. I tre, dalle prime informazioni, stavano tentando un’ascensione sul versante della montagna che si affaccia sul comune di Primaluna e sarebbero rimasti intrappolati in un canalone quando la neve si è staccata.

Al lavoro l’elisoccorso e le unità cinofile specializzate nel recuperare persone intrappolate sotto la neve, oltre a vigili del fuoco, uomini del soccorso alpino, carabinieri, questura e prefettura di Lecco. Sul posto anche due elicotteri di Como e Sondrio. Il servizio regionale lombardo del Soccorso alpino ha espresso “profondo cordoglio, vicinanza e riconoscenza alle famiglie” dei due alpinisti, molto attivi all’interno della loro stazione. “Non abbiamo avuto il tempo per ringraziarli di tutto – si legge in una nota – Il CNSAS Lombardo è vicino anche a tutta la XIX Delegazione Lariana, a cui Ezio e Giovanni appartenevano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, ricostruita la cella di Nelson Mandela: in lacrime la nipote di Madiba. “Entrare qui mi turba”

next
Articolo Successivo

Calabria, il medico nominato primario. Ma il reparto che deve dirigere ancora non c’è

next