Tre alpinisti sono stati travolti da una valanga che si è staccata dalla Grignetta (2177 metri), montagna del gruppo delle Grigne nel territorio di Lecco. Ezio Artusi, 41 anni, di Introbio, e Giovanni Giarletta, 37 anni, di Lecco, sono morti mentre un terzo è stato tratto in salvo dai soccorritori. Erano tutti tecnici del Soccorso Alpino. Il distacco di neve si è verificato, secondo le prime informazioni, sul versante della Grignetta che si affaccia sul comune di Primaluna, intorno alle 15.30 di venerdì 16 febbraio. I tre, dalle prime informazioni, stavano tentando un’ascensione sul versante della montagna che si affaccia sul comune di Primaluna e sarebbero rimasti intrappolati in un canalone quando la neve si è staccata.

Al lavoro l’elisoccorso e le unità cinofile specializzate nel recuperare persone intrappolate sotto la neve, oltre a vigili del fuoco, uomini del soccorso alpino, carabinieri, questura e prefettura di Lecco. Sul posto anche due elicotteri di Como e Sondrio. Il servizio regionale lombardo del Soccorso alpino ha espresso “profondo cordoglio, vicinanza e riconoscenza alle famiglie” dei due alpinisti, molto attivi all’interno della loro stazione. “Non abbiamo avuto il tempo per ringraziarli di tutto – si legge in una nota – Il CNSAS Lombardo è vicino anche a tutta la XIX Delegazione Lariana, a cui Ezio e Giovanni appartenevano”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, ricostruita la cella di Nelson Mandela: in lacrime la nipote di Madiba. “Entrare qui mi turba”

prev
Articolo Successivo

Calabria, il medico nominato primario. Ma il reparto che deve dirigere ancora non c’è

next