In una Calabria in cui i costi della Sanità superano quelli regionali, dove gli ospedali sono declassati o chiusi, può capitare che un medico venga assunto come primario per un reparto che non c’è. Ci troviamo a Praia a Mare, al confine con la regione Basilicata.

Luciano Tramontano, già facente funzioni di direttore nella struttura, prima che diventasse un CAPT (centro assistenza primaria territoriale) pur di venire nominato primario, ha rinunciato alle spettanze che gli competono dal 2010, quando vinse il concorso. Da allora, però, l’ospedale ha perso l’Unità Operativa Complessa di Medicina Interna che richiede appunto la presenza di un medico chirurgo. L’anno scorso al riguardo si è pronunciato il Consiglio di Stato che ha imposto la riapertura dell’ospedale di Praia, con la sentenza 1153/2017. E il direttore generale dell’Asp di Cosenza, il dottor Raffaele Mauro, ha provato a far quadrare il cerchio nominando Tramontano primario. Ma sempre un cerchio rimane, perché la struttura è ancora un centro di assistenza primaria, e il reparto di Medicina Interna non è neanche stato allestito. Tanto che il Commissario per la Sanità, Massimo Scura, è andato su tutte le furie: “Questo fa parte delle irrazionalità dei direttori generali” ci risponde, lapidario. “Non è che li nomino io i primari. Ho già scritto tassativamente al direttore generale che non inserisca il punto di primo intervento di Praia a Mare nella rete di emergenza-urgenza. Perché se i cittadini vanno nella struttura pensando che ci sia un ospedale che ancora non c’è, si creano danni ai cittadini”.

Sulla carta le stanze del reparto ci sono. Il primario pure, mancano solo i pazienti che “però non hanno posti”, almeno a Praia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lecco, valanga sulla Grignetta: morti due alpinisti, in salvo un terzo recuperato dai soccorritori

next