“Il caso Rimborsopoli M5s? Ovviamente coloro che hanno ammesso la vicenda li conosco. Non me lo aspettavo e infatti sono molto incazzato”. E’ l’amaro commento di Alessandro Di Battista, deputato uscente del M5s, al caso che ha travolto il movimento. Ospite di Dimartedì (La7), il parlamentare aggiunge: “Mi sto facendo il giro d’Italia da non candidato per spiegare un programma e, anziché parlare delle nostre proposte, ora mi tocca parlare di questi che non hanno restituito i soldi. Sono molto, molto arrabbiato, ma io ho diritto di esserlo, perché io ho restituito i soldi, così come la stragrande maggioranza dei miei colleghi. Gli esponenti degli altri partiti politici, cioè quelle sanguisughe che non si sono tagliate un euro in 40 anni, devono tacere. Potranno parlare quando renderanno i soldi che io ho restituito”. E sottolinea: “Metto la mano sul fuoco sulla serietà e sulla intransigenza del M5S. Questo conta. Una forza politica deve essere giudicata in base a come interviene, quando c’è qualcosa che non va. Modificare l’animo umano è impossibile. Ma noi sbattiamo fuori le persone che non restituiscono quello che dovrebbero restituire e, tra l’altro, la legge non glielo impone. Ma il Pd candida anche chi è indagato per spese pazze, cioè per essersi intascato soldi dei cittadini a scopo personale. Ci rendiamo conto della differenza? E nessuno ne chiede conto”. Poi chiosa: “La perfezione non esiste, neanche nel nostro movimento, che è cresciuto molto in fretta. E’ anche vero però che conoscere al 100% l’animo umano non è possibile, altrimenti non ci sarebbero i divorzi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Salvini vs Boldrini: “Ma parla per cartelli?”. “Certo, con gli hashtag, come fa lei. Così ci capiamo meglio”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi sigla il ‘patto del parmigiano’ con la Coldiretti: “Ringrazio anche a nome delle suore di Arcore”

next