Una foto, quattro vigili urbani e alle spalle lui, Matteo Salvini. A incendiare il clima elettorale a Civitanova Marche è uno scatto che immortala il gruppo di agenti in divisa che sorridono abbracciati dal leader della Lega. Si tratta di quattro vigilesse e un collega uomo. La foto fatta durante la tappa in città del candidato premier è stata pubblicata dal giornale locale online Cronache maceratesi e non è passato inosservato al Partito Democratico che ora è pronto a presentare un esposto alla Procura e alla Prefettura.

Dopo il comizio, Salvini si è concesso per circa quaranta minuti ai militanti e poco prima di andarsene, su invito a quanto pare dell’assessore Giuseppe Cognigni, candidato per la Lega alla Camera, ha fatto questa foto ricordo con gli agenti della polizia locale. Uno scatto che ha sollevato una bufera sui vigili: “Secondo quanto dichiarato dal comandante della polizia locale – spiega la consigliera del Pd Mirella Franco – la foto l’avrebbero chiesta Salvini e l’assessore”. Contattata da Ilfattoquotidiano.itDaniela Cammertoni, alla guida degli agenti di Civitanova ha scelto il silenzio stampa: “In questo momento mi sto occupando del Carnevale. Su questo argomento non intendo rilasciare alcuna dichiarazione”.

Ma – come si legge su Cronache maceratesi – la stessa Cammertoni ha detto: “Ho sentito il personale che si è trovato in questa situazione. La foto l’hanno richiesta Matteo Salvini e Cognigni. Questa situazione verrà vagliata con l’amministrazione comunale e sarà analizzata in tutti gli aspetti possibili”.

Sulla sua pagina Facebook Mirella Franco si chiede: “Questo è un utilizzo “lecito” della polizia municipale? Farsi immortalare compiaciuti in divisa con Salvini in piena campagna elettorale! Mi sembra che si vada ben oltre il ruolo di garanti dell’ordine pubblico. Sinceramente mi viene in mente solo una parola: vergogna!”.

Intanto il Pd ha pronto l’esposto: “Siamo in campagna elettorale, gli agenti sono in divisa e in posa. Non è una foto – spiega Mirella Franco – che è stata scattata mentre stanno facendo il loro lavoro. Nell’immagine pubblicata si vedono altre persone delle forze dell’ordine ma non sono in posa”. Nello scatto, infatti, spuntano anche i volti di agenti della polizia e di carabinieri ma che non sorridono all’obiettivo e non si prestano alla foto.

“È inopportuno in questa fase – continua la consigliera dem – farsi immortalare in posa con un politico. Chiunque esso sia. Se Salvini fosse stato presidente del Consiglio o della Repubblica non ci sarebbero stati problemi. Gli altri militari presenti non si sono fatti la foto con il leader della Lega. Abbiamo presentato un esposto per sapere se questo fa parte dell’attività degli agenti locali. Sarà la Prefettura a rispondere alla domanda se è lecito o meno quanto avvenuto per noi resta inopportuno. Vogliamo vederci chiaro. Questa vicenda non può passare inosservata”. “Surreale che con tutti i problemi nelle Marche il Pd faccia un esposto su una foto”, replica Salvini. “La foto – aggiunge il leader della Lega – confermo, l’ho chiesta io perché sono sempre onorato di poter ringraziare le forze dell’ordine per il loro lavoro e sono sicuro che nessuno delle donne e degli uomini ritratti nella foto da me chiesta subirà alcun provvedimento”.