Sassaiole e cariche della polizia al cantiere Tap di San Foca, a Marina di Melendugno in Puglia, dove sono scoppiate nuove tensioni fra una cinquantina di persone che si oppongono alla realizzazione del gasdotto e gli agenti che presidiano la zona. Due guardie giurate e una donna del gruppo “No Tap” sono rimaste leggermente ferite. Il ferimento di quest’ultima, trasportata in ospedale in codice verde, ha innescato la reazione dei manifestanti che hanno cominciato a lanciare pietre all’indirizzo del cantiere, danneggiando alcune auto di polizia, Guardia di finanza e alma Roma (vigilantes). Le strade che portano all’area, inoltre, erano state disseminate di chiodi a tre punte e pietre per impedire il transito di mezzi e operai

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lucca, antagonisti contestano incontro di Casapound: scontri con la polizia

next
Articolo Successivo

Pamela Mastropietro, bloccati due cittadini nigeriani: uno era a Milano

next