Sassaiole e cariche della polizia al cantiere Tap di San Foca, a Marina di Melendugno in Puglia, dove sono scoppiate nuove tensioni fra una cinquantina di persone che si oppongono alla realizzazione del gasdotto e gli agenti che presidiano la zona. Due guardie giurate e una donna del gruppo “No Tap” sono rimaste leggermente ferite. Il ferimento di quest’ultima, trasportata in ospedale in codice verde, ha innescato la reazione dei manifestanti che hanno cominciato a lanciare pietre all’indirizzo del cantiere, danneggiando alcune auto di polizia, Guardia di finanza e alma Roma (vigilantes). Le strade che portano all’area, inoltre, erano state disseminate di chiodi a tre punte e pietre per impedire il transito di mezzi e operai

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lucca, antagonisti contestano incontro di Casapound: scontri con la polizia

next
Articolo Successivo

Pamela Mastropietro, bloccati due cittadini nigeriani: uno era a Milano

next