Una copia del “Mein Kampf“, una bandiera con la croce celtica e altre pubblicazioni riconducibili all’estrema destra sono stati sequestrati dai Carabinieri a Tolentino, a casa della madre di Luca Traini, l’uomo che ieri ha tentato di fare strage di immigrati per le vie di Macerata, ferendone sei. Gli investigatori hanno anche sequestrato dei computer per verificare se vi siano altri elementi utili alle indagini. Traini avrebbe maturato l’intenzione di compiere il gesto dopo l’assassinio di Pamela Mastropietro, il cui cadavere fatto a pezzi era stato rinvenuto mercoledì scorso in due trolley. Il 28enne è ora in isolamento nel carcere di Montacuto, ad Ancona, con l’accusa di strage aggravata dalle finalità di razzismo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Macerata, Luca Traini è un criminale. Ma sentirci superiori non ci porterà lontano

next