Una copia del “Mein Kampf“, una bandiera con la croce celtica e altre pubblicazioni riconducibili all’estrema destra sono stati sequestrati dai Carabinieri a Tolentino, a casa della madre di Luca Traini, l’uomo che ieri ha tentato di fare strage di immigrati per le vie di Macerata, ferendone sei. Gli investigatori hanno anche sequestrato dei computer per verificare se vi siano altri elementi utili alle indagini. Traini avrebbe maturato l’intenzione di compiere il gesto dopo l’assassinio di Pamela Mastropietro, il cui cadavere fatto a pezzi era stato rinvenuto mercoledì scorso in due trolley. Il 28enne è ora in isolamento nel carcere di Montacuto, ad Ancona, con l’accusa di strage aggravata dalle finalità di razzismo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Macerata, Luca Traini è un criminale. Ma sentirci superiori non ci porterà lontano

prev
Articolo Successivo

Macerata, non è l’immigrazione la causa della sparatoria

next