Dino Giarrusso e non la deputata uscente Carla Ruocco sarà candidato nel collegio Lazio 1-10 Roma\Quartiere Gianicolense. L’annuncio nella serata del 30 gennaio, a poche ore dal deposito delle liste con i candidati ufficiali che correranno alle prossime elezioni. Il volto televisivo de “Le Iene” era già stato contattato nelle scorse settimane e in un primo momento aveva rifiutato, ora il ritorno in campo a sorpresa. La sua candidatura è subentrata appunto a quella dell’ammiraglio Rinaldo Veri, sommerso dalle polemiche perché già consigliere comunale ad Ortona ed ex candidato sindaco con una lista civica supportata dal Pd. In un primo momento il Movimento aveva detto che a sostituirlo sarebbe stata la deputata uscente.

Sempre il 30 gennaio in serata, il neo-candidato ha rilasciato un’intervista a La Zanzara: “E’ un merito del Movimento 5 stelle aver messo un tetto allo stipendio dei parlamentari”, ha detto. “Guadagnerò credo 3mila euro al mese netti, a Le Iene guadagnavo quasi il doppio. Da giornalista de Le Iene pagavo un sacco di tasse, lavoravo solo per loro a parte qualche serata”. Giarrusso ha anche spiegato perché ha cambiato idea: “All’inizio ho scelto di no, ma sono bastate due settimane di campagna elettorale per dire: ho fatto una cazzata. Voglio partecipare, voglio servire il Paese. E’ successa la cosa dell’ammiraglio, e mi hanno richiamato. Il primo ad avere pensato a me è stato Max Bugani”. Di che ti vuoi occupare?: “Di televisione, naturalmente. Per esempio Vespa dovrebbe avere meno spazio, e poi deve decidere se è artista o giornalista. Potrebbe avere meno spazio di quello che ha avuto in questi anni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rosatellum bis, giudice Firenze respinge ricorso dell’ex M5s Artini: ‘Inammissibile’

next
Articolo Successivo

Elezioni, Bersani: “Pd? Il suo istinto a traino renziano è allearsi con Berlusconi. Noi di LeU non lo faremo mai”

next