Quando le liste definitive dei candidati stanno per essere depositate, continua l’analisi di tutti i volti che corrono per la prima volta o meno con il Movimento 5 stelle. Dopo le parlamentarie, c’è stata un’ulteriore scrematura fatta da Luigi Di Maio e dallo staff per sistemare gli elenchi secondo il “filtro di qualità” e per scoprire gli eventuali infiltrati. Tra le segnalazioni arrivate c’è anche quella di Luciano Cillis, arrivato secondo dietro la deputata Mirella Liuzzi. Cillis alle provinciali di giugno 2009 si è candidato con l’Udeur di Clemente Mastellain sostegno del candidato di centrodestra Aurelio Pace. Dopo aver valutato il caso si è deciso di lasciarlo in corsa perché, come da regolamento, la candidatura risale a prima della nascita del Movimento.

A stabilirlo infatti è il punto “i” del regolamento per le candidature alle parlamentarie M5s: “L’iscritto”, si legge, “non dovrà aver mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello, né aver svolto un mandato elettorale o ricoperto ruoli di amministratore e/o componente di giunta o governo, con forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle a far data dal 4 ottobre 2009”. Per pochi mesi di differenza quindi, il candidato è stato ammesso. Cillis, che nel suo curriculum per la selezione in rete ha detto di essere laureato in agronomia all’Università della Basilicata, attualmente lavora nell’azienda di famiglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, dal figlio del sottosegretario alla moglie dell’ex vice governatore. E anche in Calabria ci sono imputati in lista

next
Articolo Successivo

Elezioni, Crocetta vs Lavia: “Renzi è un serial killer, altro che delinquente seriale”. “Dice così perché non candidato”

next