Quando le liste definitive dei candidati stanno per essere depositate, continua l’analisi di tutti i volti che corrono per la prima volta o meno con il Movimento 5 stelle. Dopo le parlamentarie, c’è stata un’ulteriore scrematura fatta da Luigi Di Maio e dallo staff per sistemare gli elenchi secondo il “filtro di qualità” e per scoprire gli eventuali infiltrati. Tra le segnalazioni arrivate c’è anche quella di Luciano Cillis, arrivato secondo dietro la deputata Mirella Liuzzi. Cillis alle provinciali di giugno 2009 si è candidato con l’Udeur di Clemente Mastellain sostegno del candidato di centrodestra Aurelio Pace. Dopo aver valutato il caso si è deciso di lasciarlo in corsa perché, come da regolamento, la candidatura risale a prima della nascita del Movimento.

A stabilirlo infatti è il punto “i” del regolamento per le candidature alle parlamentarie M5s: “L’iscritto”, si legge, “non dovrà aver mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello, né aver svolto un mandato elettorale o ricoperto ruoli di amministratore e/o componente di giunta o governo, con forze politiche diverse dal MoVimento 5 Stelle a far data dal 4 ottobre 2009”. Per pochi mesi di differenza quindi, il candidato è stato ammesso. Cillis, che nel suo curriculum per la selezione in rete ha detto di essere laureato in agronomia all’Università della Basilicata, attualmente lavora nell’azienda di famiglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, dal figlio del sottosegretario alla moglie dell’ex vice governatore. E anche in Calabria ci sono imputati in lista

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Crocetta vs Lavia: “Renzi è un serial killer, altro che delinquente seriale”. “Dice così perché non candidato”

next