Un trentunenne è morto sulle piste da sci del Sestriere. La vittima è un ingegnere, Giovanni Bonaventura, originario di Enna ma da anni residente a Torino. L’uomo, che indossava il casco, è andato a sbattere contro la barriera paravento esterna della pista che porta ai collegamenti tra Sauze e Sestriere, nella nota località sciistica piemontese. Secondo i primi accertamenti, è morto sul colpo a seguito di un trauma cranico e facciale.

Sul posto i carabinieri sono impegnati a ricostruire la dinamica dell’incidente: il 31enne avrebbe perso il controllo degli sci a causa dell’eccessiva velocità. Stava percorrendo la pista Cresta del comprensorio Via Lattea, quando è andato a sbattere contro una barriera paravento. Il casco è stato recuperato a 200 metri dal corpo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monza, scontri al mercato tra militanti di Casapound e antagonisti: lanci di sampietrini e bottiglie

prev
Articolo Successivo

Napoli, baby gang aggredisce un 19enne: due minorenni individuati grazie al tatuaggio della banda

next