Il centrodestra ormai stabile al 39%, a un soffio dalla “soglia magica” del 40, che potrebbe garantire la maggioranza. Il centrosinistra staccato di ben undici punti, fisso addirittura al 27,9%. E poi il Movimento 5 stelle prima forza ma “solo”al 26,3%. Sono i numeri dell’ultimo sondaggio di Euromedia. Una rilevazione effettuata su 800 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne e diffusa durante la trasmissione Porta a Porta. Dal quale emerge, ancora una volta, un dato: saranno gli elettori più anziani a decidere chi vincerà le prossime elezioni politiche. 

Tra gli elettori con un’età compresa tra i 18 e i 24 anni, infatti, il centrodestra e il centrosinistra sono praticamente appaiati al 30%, con la coalizione guidata da Matteo Renzi in vantaggio di mezzo punto percentuale. Confermata dalla rilevazione dell’istituto guidato da Alessandra Ghisleri un’altra tendenza già emersa da altri sondaggi: tra i giovani il Movimento 5 stelle è di gran lunga il primo partito con il 34% dei voti. Segue il Pd al 27,6%, Forza Italia al 14,3%, Lega al 11,3% e poi Liberi e Uguali al 5%.

Situazione che cambia radicalmente quando si contano i voti degli over 24: i pentastellati perdono quasi otto punti, fermandosi al 26,3%, mentre il centrodestra schizza al 39% grazie alle performance di Forza Italia al 18%, Lega al 13,5%, Fratelli d’Italia al 4,4%, e Noi con l’Italia – la quarta gamba della coalizione – al 2,4%. Tra gli elettori più maturi, invece, il Pd perde qualche punto, fermandosi al 24,2%. A pesare sul risultato finale della coalizione, però, sono soprattutto le disastrose le performance degli alleati, almeno secondo la rilevazione di Euromedia: Civica popolare di Beatrice Lorenzin prenderebbe l’1,2%, +Europa di Emma Bonino e Bruno Tabacci l’1,8, Insieme – cioè Verdi e Socialisti – lo 0,4, Südtiroler Volkspartei lo 0,3%.  Il centrosinistra, tra l’altro, rimarrebbe staccato anche sommando i voti della formazione guidata da Pietro Grasso che è data al 6%. Ancora alta la percentuale di indecisi che potrebbero astenersi dal voto: è al 32%, cioè un elettore su tre. Un dato che arriva al 45,2% se a essere intervistati sono gli under 24: non incideranno sulla vittoria finale e quasi uno su due non andrà neanche a votare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2018, è gara a chi la spara più grossa. Ma non mancavano i soldi?

next
Articolo Successivo

Vaccini in campagna elettorale, dieci punti da chiarire per evitare strumentalizzazioni

next