Da lunedì 15 gennaio scatta una vera e propria rivoluzione sui bagagli a mano per i passeggeri Ryanair. Sarà infatti possibile portare a bordo due bagagli a mano se si acquista il pacchetto Premium, altrimenti sarà concesso portare con sé solo una borsetta o uno zaino, non più il trolley. Questo, a prescindere dalle dimensioni, sarà registrato e sistemato gratuitamente in stiva. Non solo, borse e zaini dovranno rientrare ora nelle nuove dimensioni di 35 x 20 x 20 cm e devono poter essere sistemati agevolmente sotto il sedile davanti al passeggero.

A fare la differenza adesso, sarà quindi il tipo di biglietto acquistato: per usufruire del doppio bagaglio bisognerà aver acquistato l’imbarco prioritario, cioè la possibilità di salire sull’aereo prima degli altri passeggeri, o tariffe non base. Ovvero i nuovi pacchetti Premium, Flexi Plus, Plus o Family Plus a cui sarà consentito portare a bordo sia il solito trolley che la borsa con le misure consentite: il primo andrà nella cappelliera, il secondo sotto la poltrona davanti al passeggero. La mancata osservanza di queste nuove regole comporterà il pagamento di una penale pari a 50 euro per articolo al gate di partenza “e – spiega la compagnia – potrebbe causare ritardi per tutti i passeggeri a bordo”. Le nuove regole per il bagaglio a mano possono essere consultate nel dettaglio sul sito della compagnia low cost.

Intanto, i sindacati hanno indetto uno sciopero di tutto il personale Ryanair di base sul territorio italiano per l’intera giornata di sabato 10 febbraio. A proclamare e annunciare la protesta unitariamente sono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. La mobilitazione, spiegano, è stata indetta “per il mancato avvio di un confronto serio sui temi del contratto collettivo di lavoro e delle tutele sociali di tutto il personale”. A metà dicembre, Ryanair aveva fatto un passo avanti verso i sindacati decidendo di riconoscere le sigle di categoria in Irlanda, Regno Unito, Germania, Italia, Spagna e Portogallo proprio nel giorno in cui era previsto uno sciopero generale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Termini Imerese, ora Roma dovrà ricomporre il puzzle che lei stessa ha creato. Ma mancano dei pezzi

next
Articolo Successivo

Ferrero, acquisito il business dei dolci di Nestlé negli Usa per 2,8 miliardi di dollari

next