Stop all’aumento dei biglietti del trasporto pubblico locale a Milano e biglietto unico integrato nell’area metropolitana milanese. Sono le proposte del Movimento 5 Stelle, che ha annunciato l’avvio di una raccolta firme su tutto il territorio metropolitano. La petizione, rivolta al Comune di Milano, a Città Metropolitana e a Regione Lombardia, chiede “di riconsiderare e rendere omogenee le zone del sistema tariffario in vigore nell’area metropolitana milanese, evitando inopportuni aumenti, nonché di introdurre il biglietto unico integrato che includa il servizio ferroviario suburbano”. Per il M5s, l’aumento del costo dei biglietti da 1,50 a 2 euro dal 2019 annunciato dal sindaco di Milano Beppe Sala “è inaccettabile e da respingere al mittente”. Per questo, ha spiegato il candidato alla Regione dei 5 stelle Dario Violi, occorre “rivedere totalmente il sistema tariffario a zone, in particolare per i comuni di prima fascia, garantendo la tariffa unica con Milano città”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lazio, Gasparri: “Io candidato? Non si chiede, si viene chiamati per meriti. A me è sempre successo, mi dispiace per il Fatto”

next
Articolo Successivo

Aumento pedaggi, blitz di Casapound alla manifestazione. Tensione con i sindaci: “Andatevene”, “Noi discriminati”

next