Un quarto degli italiani non disdegna le spese voluttuarie a debito, a cominciare dai regali di Natale. Le ricerche recenti confermano una tendenza di complessiva ripresa degli acquisti a rate. Ma è davvero così? Siamo andati in strada a parlarne con i cittadini alle prese con lo shopping natalizio. “Io compro sempre a rate, dalla tv alla vacanza, se capita anche i regali”, afferma un  giovane. “Regalarmi una vacanza a debito? Perché no, non ci vedo nulla di male”, spiega un’altra voce. Molti invece si ispirano a una maggiore prudenza negli acquisti. “Se ho i soldi compro, altrimenti no, indebitarsi per fare regali o acquisti non necessari è una follia“, rispondono in tanti. “I regali no, altra cosa è ricorrere a un finanziamento per un nuovo modello di smartphone o per uno scooter”, aggiungono altri. “In fondo è un modo per far girare l’economia in un momento di crisi”, osserva qualcuno. “No, il problema è un sistema economico basato sui consumi superflui che induce le persone a spendere anche se non hanno soldi”, replica un altro. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Se la Commissione sulle banche ripensasse la vigilanza

prev
Articolo Successivo

Classifica Bloomberg dei miliardari del 2017, solo i (super) ricchi ridono

next