Un sequestro da 59 milioni di euro. È il valore dei beni sigillati dagli uomini del Nucleo di polizia valutaria della Guardia di Finanza. Tutte proprietà riconducibili a imprenditori e un manager coinvolti nell’indagine su Veneto Banca. Il provvedimento del gip di Roma, emesso nell’ambito del procedimento su Veneto Banca attualmente in fase di udienza preliminare e che vede coinvolto anche l’ex amministratore delegato Vincenzo Consoli, riguarda cinque soggetti ed è riferito a due delle imputazioni di ostacolo all’attività di vigilanza contestate dai pm di Roma nella richiesta di rinvio a giudizio.

Il sequestro riguarda beni immobili, tra cui undici fabbricati e diversi terreni, auto di lusso e conti correnti riconducibili agli indagati. Ai quattro imprenditori l’accusa di ostacolo all’attività di vigilanza fa riferimento alla realizzazione di un’operazione cosiddetta “portate”: i quattro, d’intesa con Consoli, avrebbero acquisito pacchetti obbligazionari del valore di 7,5 milioni ciascuno (obbligazioni che facevano parte di un prestito obbligazionario emesso dalla stessa Veneto Banca) a fronte dell’impegno dell’istituto di riacquistarli di li a breve.

L’accusa nei confronti del manager è invece riferita ad un’operazione cosiddetta “baciata“, che lui stesso avrebbe ideato d’accordo con Consoli, in virtù della quale tre persone estranee (e non coinvolte nei sequestri) si erano impegnate ad acquisire pacchetti di azioni di Veneto Banca ricevendo dall’istituto, quale contropartita, l’impegno a riconoscere un tasso d’interesse del 3% (clausola, dicono gli investigatori, notoriamente inusuale per i titoli azionari), per poi procedere al riacquisto delle stesse azioni tramite soggetti terzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicilia, l’ex pm Ingroia indagato per peculato: “Da società regionale compensi non dovuti”

prev
Articolo Successivo

Fondi Margherita, l’ex tesoriere Luigi Lusi condannato in via definitiva a 7 anni

next