E’ stata nuovamente travolta dal ciclone delle polemiche Susanna Ceccardi, la sindaca leghista di Cascina (Pisa). Casus belli: la concessione del suolo comunale a un banchetto di Casapound nel centro cittadino per volantinaggio e “per presentare il programma politico in vista delle prossime elezioni”. Un gruppo di donne, per protesta, si è riunito davanti al gazebo dei neofascisti e ha intonato “Bella Ciao”. Ma la sindaca, appena reduce dalla discussa gaffe sui medici calabresi, si è scatenata su Facebook con l’intento di difendere il suo ok all’iniziativa elettorale di Casapound. Sul suo profilo personale ha pubblicato il filmato della pacifica contestazione antifascista e ha commentato: “Ex assessori, ex consiglieri pd, addirittura un ex vicesindaco oggi sul corso a cimentarsi con le prove canore. E si domandano ancora perché hanno perso le elezioni!“. Due ore dopo, ha fornito una versione più ‘istituzionale’ sulla sua pagina ufficiale: “A Cascina diamo la concessione di suolo pubblico a chiunque chieda il permesso, purché lo faccia nei tempi e nelle modalità previsti dal regolamento. Non chiediamo nessun certificato ideologico, né diamo patenti di democrazia a nessuno“. E ha aggiunto: “Stamani c’era un gazebo di Casapound e davanti si sono assiepati una decina di comunisti (tra cui l’ex vicesindaco della giunta Antonelli e alcuni ex consiglieri del Pd), cantando ‘Bella ciao’ e alzando il pugno chiuso. Per me sul corso possono manifestare tutti: fascisti, comunisti, filo napoleonici, filo ostrogoti o chiunque si riconosca in ideologie sepolte dalla storia. Vi chiedo solo un favore: potete farlo evitando il periodo natalizio e i mercatini di Natale dove la gente vorrebbe fare soltanto una passeggiata in tranquillità senza sentirsi catapultata in un film ambientato nel 1945?”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Di Maio sul sindaco di Pomezia: “Si ricandida per la terza volta? Si autoesclude dal Movimento”

next
Articolo Successivo

Tap, emendamento governo: “Come il Tav, opera strategica”. Rischia arresto chi protesta. Stop da commissione Bilancio

next