Il terzo giorno della 5 Giorni di Musica contro le mafie ha ospitato l’imprenditore lametino Rocco Mangiardi, testimone di giustizia.
Presso il Museo delle Arti e dei Mestieri di Cosenza ha preso vita un dialogo sul tema “Il Costo del “No”… una vita sotto protezione”. Lontana da ogni vana retorica, la sua frase “il dito puntato è più forte della pistola” esorta il pubblico attento a considerare la consapevolezza della propria dignità come l’arma più potente per difendersi da ogni minaccia o pretesa di pizzo.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messina Denaro, decine di perquisizioni a Castelvetrano a fiancheggiatori del boss latitante

next
Articolo Successivo

Stadi in mano ai clan e i calciatori amici dei boss: nella relazione dell’Antimafia i tentacoli delle piovre sul calcio italiano

next