Mame ha 18 anni e le resta da vivere poco tempo a causa di un tumore. Da dieci anni la ragazza che vive in Senegal è affetta da una neoplasia delle ossa mascellari, un ameloblastoma della mandibola inferiore. Per continuare a vivere ha una sola possibilità: essere operata d’urgenza in una struttura all’avanguardia e specializzata in interventi del genere.

Il tumore benigno è cresciuto rapidamente nelle ultime settimane fino a sfigurarle il volto, rischiando di comprometterle l’esistenza. Per dare una speranza concreta alla giovane africana i medici volontari di Emergenza Sorrisi hanno organizzato una raccolta fondi a sostegno di Mame. La ong italiana da più di un decennio lavora per gestire direttamente missioni chirurgiche in tutto il mondo, in particolare nei Paesi più poveri, salvando soprattutto ragazze e ragazzi che si trovano in condizioni estreme.

Per far continuare la vita di Mame è necessario trasferirla in Italia nel minor tempo possibile. Contattato dai medici volontari di Emergenza Sorriso, “il Policlinico Gemelli di Roma ha dato la sua disponibilità per operarla gratuitamente, anche se essendo cittadina straniera non ha diritto alle cure gratis – spiegano referenti dell’ong – L’operazione salvavita è necessaria e urgente: l’apparato respiratorio si ostruirà e Mame smetterà di respirare”. Occorrono 7mila euro, necessari per il trasferimento e la sua permanenza nella Capitale della durata di almeno 45 giorni. Nel caso la cifra dovesse essere raggiunta, la diciottenne verrà accompagnata in Italia dalla madre.

I medici volontari della Ong hanno conosciuto Mame nel corso dell’ultima missione in Senegal. Giunti a Dakar, tra il 16 e il 23 ottobre hanno avuto modo di verificare la gravità della situazione del suo viso. “La vicenda di Mame sarà oggetto di un docu-film realizzato insieme a Consulcesi Onlus”, racconta il personale medico di Emergenza Sorrisi, che è socia dell’Istituto italiano della Donazione, che ne verifica, ogni anno, i processi gestionali e l’uso trasparente dei fondi raccolti.

Chiunque volesse contribuire ad aiutare Mame può farlo con una donazione direttamente al c/c di Emergenza Sorrisi:

IBAN: IT91J0538703203000001616000

Causale: Salviamo Mame

Oppure: www.emergenzasorrisi.it/dona-ora/

Donazione su progetti: salviamo Mame

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bonus mamma, l’Inps attua ordinanza del Tribunale di Milano: “Da domani a tutte le straniere con permesso”

next
Articolo Successivo

Maternità surrogata, perché molte lesbiche italiane non sono d’accordo con Arcilesbica

next