Avere il 48% del mercato ed essere piccoli piccoli, come il minuscolo calciatore Lee dell’Hellas Verona. Capita, se il mercato di cui parliamo è quello dell’auto elettrica italiano. Ma la Nissan, che sulla tecnologia delle emissioni zero ha puntato oltre 5 miliardi di dollari, non molla. E presenta la seconda generazione della Leaf, che dal 2010 si è fatta comprare da quasi 300 mila clienti nel mondo (leader assoluta) ma in Italia, pur dominando, ne ha vendute solo 1.400.

Tenendo conto pure del furgone NV, che ha addirittura il 70% del suo mercatino, la casa giapponese ha venduto complessivamente 1.700 veicoli a elettroni nel Bel Paese Un’inezia, al cospetto non solo degli iper-ambientalisti norvegesi (che incentivano brutalmente le macchine elettriche con i quattrini guadagnati col greggio…), ma anche di francesi (40 mila immatricolazioni annue) e tedeschi (vicini ai 30 mila pezzi).

In Italia si riconosce giustamente un sostanzioso vantaggio fiscale a chi sostituisce la caldaia o gli infissi ma poco o niente ai volenterosi pionieri delle quattro ruote pulite, ha fatto notare il presidente di Nissan Italia, Bruno Mattucci, in occasione della prima tappa del Nissan Intelligent Mobility Tour, che ha tolto il velo – davanti alla sede meneghina di Eataly – alla Leaf 2.0. Che, rispetto alla prima versione, costa di meno – 36.330 euro contro 38.000 -, ha una autonomia più che doppia – 378 km contro 175 – ed è tecnologicamente assai più avanzata. Arriverà a marzo 2018 e la marca nipponica ambisce a venderne 2.500 (perbacco!), corroborata dalla volontà dell’Enel, che promette 7 mila nuove colonnine pubbliche entro il 2020 e ben 14 mila, di cui 3 mila “fast” per la ricarica rapida, entro il 2022.

La New Leaf potrebbe anche trasformarsi in trasportatrice e contenitrice di energia: fai il pieno di kilowatt a Milano e ci riscaldi la casa di campagna. Potrebbe, perché in Italia ancora la normativa non lo permette. Insomma, nonostante il verdismo a parole di tutte o quasi le forze politiche, da noi si fa veramente poco per dare l’indispensabile spintarella alla diffusione dei veicoli “zero emission”.

Così, almeno per ora, non resta che appellarsi – come hanno fatto i boss della Nissan nella conferenza stampa di lancio della nuova vettura – all’ottimismo delle persone di buona volontà. “Comperando una Leaf, si fa del bene a tutti e all’ambiente”, ha detto Mattucci. Facendo però capire che se non sarà messa in campo una solida politica di incentivi, le 2.500 auto destinate potenzialmente all’Italia verranno in parte dirottate verso Stati più disposti a spendere per far partire la rivoluzione della mobilità. Morale: Salvate il soldato Leaf ! Un’auto che, per inciso, è molto più spigolosa, moderna e carina e parcheggia totalmente da sola anche in spazi angusti. Basterà, a moltiplicare rapidamente l’esercito dei pionieri, in assenza delle pubbliche munizioni incentivanti?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tesla, la boccata di ossigeno per Musk si chiama Pepsi. Ordinati 100 tir Semi

prev
Articolo Successivo

Toyota, nel mirino c’è l’auto elettrica. Dieci nuovi modelli dal 2020 in poi

next