Sono otto gli indagati per il blitz fascista di Forza Nuova avvenuto mercoledì 6 dicembre davanti alla redazione del quotidiano La Repubblica. La Procura di Roma contesta loro i reati di manifestazione senza preavviso, travisamento, violenza privata e accensione di artifizi pirotecnici in luogo aperto al pubblico. Due militanti del movimento di estrema destra erano stati identificati e denunciati a piede libero ieri dalla Digos, mentre altri sei sono stati identificati oggi anche grazie alle telecamere delle zone vicine. Uno di loro è minorenne,

Sulla vicenda è intervenuto anche il capo della polizia Franco Gabrielli, che ha definito il blitz di ieri “molto grave“. “Tutte le volte che si mette in discussione la possibilità che la stampa sia libera“, ha detto a margine di un incontro a Roma, “credo sia un interrogativo per tutti. Su queste vicende credo che non si debba mai avere l’improntitudine di fare dei distinguo. Queste cose vanno condannate senza ma senza se, che riguardino testate che si collocano a destra, a sinistra o al centro”. Sullo stesso tenore le dichiarazioni del ministro dell’Interno Marco Minniti: “Se qualcuno pensa che in un momento di incertezza politica ci possa essere spazio per infiltrare pratiche antidemocratiche, la risposta è semplice: non c’è aria. Ci sono i corpi dello Stato che non subiscono incertezza politica”, ha scandito il ministro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giulio Regeni, procura di Roma: ‘La sua tutor di Cambridge interrogata a gennaio’

prev
Articolo Successivo

Sicilia, “indagato Antonino Rizzotto: è il quinto deputato eletto all’Ars che finisce nei guai”

next