“Il PD sta lavorando per creare una coalizione di centro sinistra che si presenti agli elettori credibile e in grado di raccogliere fiducia e consenso. Lo stiamo facendo insieme a Pisapia, insieme alle forze del centro democratico e abbiamo aperto una interlocuzione con Emma Bonino e la sua lista europea. Noi lavoriamo per un centro sinistra largo e inclusivo. La scelta di MDP è una scelta che rispettiamo, ma la consideriamo poco comprensibile perché se l’obiettivo è prendere il 10%, come è noto con il 10% non si vincono le elezioni e si rischia soltanto di rendere più difficile al centro sinistra di vincerle. Ad ogni modo, i nostri avversari sono Salvini, Berlusconi e Di Maio ed è con loro che ci misureremo in campagna elettorale”. Così Piero Fassino, presidente del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale), a Bruxelles, a margine del seminario promosso da CeSPI e dall’eurodeputata S&D Patrizia Toia dedicato al tema dell’inclusione finanziaria dei migranti

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, Calenda: “Emiliano? Scorretto spostare il confronto in tribunale”

next
Articolo Successivo

Referendum, comitati del No festeggiano l’anniversario: “Renzi? Politicamente un uomo morto che cammina”

next