Diversi esponenti del Partito Repubblicano hanno preso le distanze dall’ex giudice ultracattolico. Non Donald Trump, che su Twitter ha ribadito il proprio appoggio a Roy Moore, candidato del Grand Old Party in Alabama nelle elezioni suppletive per il Senato che si terranno il 12 dicembre: “Il rifiuto dei democratici a dare neanche un voto ai massicci tagli delle tasse mostra il perché abbiamo bisogno che il repubblicano Roy Moore vinca in Alabama”, ha scritto il presidente degli Stati Uniti in favore del controverso candidato, accusato da diverse donne di averle molestate quando erano minorenni.

 

 

“Abbiamo bisogno del suo voto per fermare la criminalità, l’immigrazione illegale, per sostenere il Muro, l’esercito, il movimento per la vita, i giudici che difendono il Secondo emendamento”, ha continuato definendo l’avversario di Moore, Doug Jones, “un burattino di Pelosi e Schumer”. Trump ha anche chiamato Moore al telefono per incoraggiarlo nella corsa, confermando e rafforzando così il suo endorsement. La Casa Bianca ha confermato la conversazione tra il presidente e l’ex magistrato, fondatore della “Foundation for Moral Law”, ferocemente anti-gay e anti-musulmano, è accusato da 6 donne di averle assalite sessualmente quando avevano tra i 16 e i 18 anni. Moore ha subito messo mano ai social network: “Ho appena finito di parlare con il Presidente e mi ha detto che ha bisogno di un combattente per vincere al Senato”.

 

 

A cosa si riferiscono le accuse che il miliardario newyorkese rivolge ai democratici? Al fatto che la scorsa settimana il Senato, a maggioranza repubblicana, ha approvato la riforma fiscale voluta dal presidente con 51 voti a favore, con un repubblicano che si è unito ai 48 democratici che hanno votato uniti contro la misura che considerano un regalo per imprese e ceti più ricchi, senza reali vantaggi per le famiglie americane. Intanto monta l’attesa per un comizio del presidente in programma per venerdì in Florida, a pochi giorni dal voto in Alabama dove Trump ha scelto di non recarsi di persona per fare campagna.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Messico, proposta choc del favorito alle presidenziali: “Amnistia per i boss dei cartelli della droga in cambio della pace”

next
Articolo Successivo

Malta, investigatori vicini al governo e ministri in conflitto d’interesse: tutti i buchi neri sull’omicidio di Caruana Galizia

next