“Non credo che quella di Di Battista sia una “mossa” a cui dare lettura politica: ha detto che non si ricandida per motivi personali e almeno per una volta abbiamo motivo di credergli. Sono scelte che vanno rispettate: dispiace non sia più in Parlamento. In fondo si tratta di un avversario vero e divertente“. Così Matteo Orfini, presidente del Pd, ha commentato la decisione di Alessandro Di Battista, che ha detto di non volersi ricandidare in Parlamento

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Alessandro Di Battista dice addio al Palazzo. E dà l’esempio

next
Articolo Successivo

Elezioni Ostia, il ‘cretinismo astensionista’ sta uccidendo la democrazia

next