Scontri e lanci di uova nel centro storico di Lecce durante un convegno al quale era presente il country manager di Tap, Michele Mario Elia. Un centinaio di attivisti contrari al gasdotto sono stati allontanati dalla polizia con cariche di alleggerimento. I tafferugli sono avvenuti all’esterno del rettorato dell’università, dove i vertici di Tap stanno tenendo un workshop sui problemi energetici, gasdotti e sicurezza. Altri attivisti del movimentoNo Tap presenti in sala hanno contestato i relatori presenti.

Video di Tiziana Colluto

All’esterno, gli agenti in assetto antisommossa hanno cercato di disperdere i manifestanti, che hanno risposto con un lancio di uova. La piazzetta dove ha sede il rettorato è stata chiusa dalle forze dell’ordine, i mezzi blindati restringono tutte le vie di accesso. Secondo la questura, le cariche di contenimento sono state necessarie perché gli attivisti “hanno cercato di sfondare il dispositivo di polizia”.

Il workshop – al quale hanno partecipato rappresentanti ministeriali, Tap, Eni e Rina – è stato momentaneamente sospeso. I manifestanti, dopo essere stati allontanati dal luogo dell’incontro, hanno occupato viale Gallipoli, una delle principali arterie della viabilità cittadina, per una ventina di minuti mandando in tilt il traffico. Già nei giorni scorsi si sono registrate altre manifestazioni sia a Lecce che a Melendugno, dove una ampia zona è stata interdetta al transito anche pedonale per “proteggere” il cantiere del gasdotto. È stato anche emesso un Daspo per un manifestante.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sugli abusi sessuali ai chierichetti del Papa ci sono due possibili verità

next
Articolo Successivo

Roma, caos al liceo Virgilio: dopo l’occupazione e le bombe carta è fuga degli iscritti. Fedeli: “Ripristinare dialogo”

next