Almeno 10 persone sono morte e 13 sono rimaste ferite, alcune in modo grave, in Grecia a causa delle inondazioni provocate dalle incessanti piogge che da quattro giorni stanno colpendo in particolare la zona della costa occidentale di Atene. Un evento che il ministro dell’Interno Panos Skourletis ha descritto alla televisione di stato ERT come “una catastrofe e una tragedia”.
Non è chiaro quante persone risultino disperse, hanno riferito i servizi di soccorso, mentre i vigili del fuoco parlano di più di 600 chiamate per veicoli e autobus bloccati nell’acqua alta con persone all’interno e case allagate.  Tra le regioni più colpite, quella di Nea Peramos, con case e ristoranti sommersi sopratutto nel villaggio di Mandra, dove sono state registrate gran parte delle vittime. L’autostrada che collega Atene con la città portuale di Corinto è stata temporaneamente chiusa nelle due direzioni.