Accesa polemica a L’Aria che Tira (La7) tra il deputato Pd, Emanuele Fiano, e il giornalista Corrado Formigli sulla legge Richetti relativa ai vitalizi. Fiano assicura: “Noi vogliamo assolutamente farla approvare“. Ma la conduttrice, Myrta Merlino, gli ricorda che il senatore Pd, Luigi Zanda, ai microfoni della stessa trasmissione, ha definito prioritaria la legge sullo Ius Soli. Il parlamentare dem ribadisce il suo sostegno alla legge Richetti, ma puntualizza: “Tra la fine del periodo relativo alla legge di Stabilità e il termine della legislatura ci sono pochi giorni. E ci sono anche altre leggi da approvare. Io penso che la legge sui vitalizi sia una priorità, lo ha detto anche Renzi alla direzione del Pd“. Il senatore della Lega, Gian Marco Centinaio, sbuffa ripetutamente e replica: “Non è vero, non mi piace che venga presa in giro la gente. Noi in conferenza dei capigruppo in più di un’occasione abbiamo chiesto di calendarizzare la legge, su proposta del M5s. Tutte le volte ci è stato risposto che non c’era tempo. Non è vero. Lo abbiamo detto anche al presidente del Senato: invece che lavorare dal martedì pomeriggio al giovedì mattina, giorno in cui molti senatori hanno già la valigia in mano per andar via, trattiamo la legge anche il martedì mattina, il lunedì, il giovedì e il venerdì. Il tempo c’è durante la settimana. La verità è che non si vogliono calendarizzare determinati provvedimenti e quindi si dice che non c’è tempo”. Fiano ribadisce il sostegno di Renzi, ma Centinaio obietta: “Renzi può continua a parlare, ma nelle aule parlamentari le leggi non si portano. Noi siamo disponibili a lavorare anche di domenica”. Interviene Formigli che osserva: “Non voglio fare il populista, perché non amo particolarmente questa figura. Ma pensate che effetto farebbe sugli italiani vedere una volta Montecitorio aperto di domenica per approvare questa legge. Mediaticamente sarebbe una botta micidiale”. Centinaio ricorda a Formigli che si tratta di Palazzo Madama e non di Montecitorio, mentre Fiano insorge: “Come sarebbe bello vedere Formigli lavorare di domenica mattina in redazione. Ma che cavolo vuol dire?“. Il conduttore di Piazzapulita sorride: “Veramente moltissime volte lavoro di domenica”. “Anche io lavoro sette giorni su sette” – continua il deputato Pd – “Il populismo è una bestia pericolosa. Vai a vedere quanto produce Emanuele Fiano”. “Il giovedì sera c’è la fuga dei trolley e delle valigiotte” – ribatte Formigli – “e lo abbiamo documentato”. “Andiamo a vedere se tutti i giornalisti italiani lavorano sette giorni su sette e 24 ore su 24 e mostrami le fotografie“, controbatte Fiano. “Voi siete dei rappresentanti dello Stato e venire super-pagati” – spiega il giornalista – “Avete dei tassi di assenteismo spesso intollerabili e scandalosi. Allora paghiamo i parlamentari sulla base di quel che producono