I Radicali andranno in “apparentamento” con il Partito Democratico. E’ il risultato di un incontro al Nazareno tra il segretario del Pd Matteo Renzi e il suo vice Maurizio Martina da una parte e dall’altra il segretario dei Radicali Riccardo Magi, il promotore di Forza Europa Benedetto Della Vedova e l’ex ministra Emma Bonino. “La nostra lista europeista – ha detto Della Vedova uscendo dalla sede del Pd – nasce come opzione prima di ogni apparentamento, perché questa legge promuove apparentamenti non coalizioni. Con il Pd abbiamo avuto un incontro serio: è l’apertura di un percorso che richiederà altri passaggi”. Quello iniziato oggi, aggiunge Magi, è “un percorso franco, serio, mi auguro utile ma che dovrà avere nelle prossime settimane uno sviluppo. Ci sono punti col Pd di contiguità e altri di diversità”.

Tra le altre cose, racconta Magi, i Radicali hanno chiesto a Renzi “di fare l’impossibile per approvare ius soli e testamento biologico, che tra l’altro il Pd ha già votato in prima lettura”. In particolare “ull’immigrazione abbiamo ribadito le nostre posizioni: abbiamo raccolto 90mila firme per una legge popolare che superi le parti peggiore della Bossi-Fini, per noi è una battaglia fondamentale”.

Due giorni fa la Bonino aveva detto in un’intervista a Repubblica che nessun accordo era possibile con il Pd finché questo non avesse cambiato linea sui migranti. Prima ancora (al termine del congresso del 31 ottobre) aveva chiarito: “Non siamo in svendita né in vendita, l’idea del Re Sole e le costellazioni, caro segretario Pd, non fa per noi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mps, Di Maio (M5s): “Banca e partito si sono sovrapposti. In Commissione faremo il possibile, ma abbiamo poche speranze”

next
Articolo Successivo

Direzione Pd, l’appello di Renzi all’unità è senza autocritica. Chiama centristi e Mdp, ma detta le condizioni

next